Header Image

Laguna Fest

Friuli Venezia Giulia set dell’immaginario

Un festival anfibio, che gravita fra il cuore di Grado e le isole della sua laguna, che congiunge dialoghi d’autore, eventi spettacolari e proiezioni con la scoperta di scenari terracquei unici in Italia e nel mondo: tutto questo è Lagunafest, nato nel 2004 con l’obiettivo di esplorare le location cinematografiche del territorio, portandole a rivivere con i protagonisti di quei set, e nel tempo evoluto come motore di promozione culturale legata anche al nostro tempo. E’ da Lagunafest, punto d’incontro nel 2009 fra l’agroeconomista Andrea Segrè e il conduttore di Caterpillar Massimo Cirri, che ha preso il via la campagna europea di sensibilizzazione “Spreco Zero”, l’unica attiva in Italia su questo tema, illustrata dalla genial matita di Altan.

Un festival fatto di molta produzione: nel tempo ha siglato l’allestimento di eventi scenici con David Riondino, Sebastiano Somma, Emanuela Grimalda …Lagunafest ha ristampato pellicole preziose del regista Franco Giraldi, “La frontiera” e “La giacca verde”, salvandole dai segni del tempo e donandole alla Cineteca Fvg perche’ restassero bene pubblico e fruibile per qualsiasi cittadino, come per scuole, enti e istituzioni; Lagunafest si impegna anche nella produzione di documentari come “L’isola di Medea”, affidato alla voce guida di Ninetto Davoli, per ritrovare le atmosfere di un grande film, “Medea”, girato nell’estate ’69 anche a Grado da Pier Paolo Pasolini con la “divina” Maria Callas. Un documentario che riunirà le voci di Dacia Maraini, Piera Degli Esposti, dei grandi costumistri Piero Tosi e Gabriella Pescucci, del “Giasone” Giuseppe Gentile, del direttore della fotografia Ennio Guarnieri e dell’assistente personale di Maria Callas, Nadia Stancioff. Proprio nel corso della 73^ Mostra del Cinema il teaser de “’L’isola di Medea” è stato proiettato ogni sera sulle vele dell’Edipo Re, ormeggiato in Riva Corinto: la storica barca del pittore Giuseppe Zigaina che accolse Pasolini e ne fu approdo appassionato nel corso delle riprese di “Medea”.